Il 5 per mille ad AIRC

14 programmi speciali

Dal 2006, progressivamente, oltre un milione e settecentomila di italiani dimostra di avere fiducia in AIRC devolvendo il proprio 5 per mille all’Associazione, consentendo la nascita di 14 programmi speciali, finalizzati alla ricerca di nuove cure e di nuovi strumenti diagnostici.

A questa straordinaria adesione, AIRC ha risposto con l’avvio, nel 2010 e 2011, di due programmi innovativi:

  • il programma speciale di oncologia clinica molecolare;
  • il programma speciale di analisi del rischio di sviluppare un tumore, diagnosi precoce e prognosi.

Insieme i due programmi stanno affrontando il problema cancro a tutto tondo, con 14 progettualità di ampio respiro che vedono all'opera il meglio della ricerca oncologica italiana e che hanno dato dopo soli cinque anni risultati molto incoraggianti.
Per questo AIRC ha deciso di lanciare, a maggio 2015, un bando di estensione aperto ai responsabili dei programmi che hanno terminato il primo quinquennio di ricerche.

Nel 2017 AIRC pubblicherà un nuovo bando per studiare uno dei problemi cruciali del cancro: lo sviluppo delle metastasi che attualmente rende il tumore in molti casi incurabile. Lo scopo del nuovo progetto è sviluppare nuovi approcci al trattamento della malattia metastatica, fondati sulla comprensione dei meccanismi biologici che stanno alla base della disseminazione tumorale.

Dettaglio incasso avvenuto dal 2006 al 2014.

Dettaglio incasso avvenuto nel 2016, contributo del 5 per mille relativo alla dichiarazione fiscale 2014 (redditi 2013).

14 programmi speciali

Grazie ai contributi del 5 per mille, oltre a sostenere 14 programmi di ricerca speciali, AIRC ha potuto finanziare centinaia di progetti di ricerca presentati in risposta ai bandi annuali.
In questi anni, infatti, la raccolta fondi tradizionale, comunque straordinariamente importante grazie ai nostri sostenitori, non sarebbe stata sufficiente a sostenere tutte le ricerche giudicate meritevoli secondo il severo processo di valutazione di AIRC. Per questo motivo parte dei fondi ricevuti attraverso il 5 per mille sono stati destinati a valorizzare l’eccellenza della ricerca oncologica italiana e i giovani talenti, dando un adeguato sostegno alle proposte più competitive.